I vini del conero

Il Vino, nettare degli Dei, Sangue di Cristo, il raffinato compagno del calice e anche amico dell’amore, rinomato, pregiato, assaporato o al tempo stesso detestato, tracannato, usato, gettato…

Decantato da poeti, narratori, pensatori, artisti, di ogni epoca. Omero scrisse:

Vino pazzo che suole spingere anche l’uomo molto saggio a intonare una canzone,
e a ridere di gusto, e lo manda su a danzare,
e lascia sfuggire qualche parola che era meglio tacere.”

Oggi, come allora, è oggetto di amore, ma anche di studio. Il Vino apre una gamma di osservazione verso l’uva e la sua coltivazione, l’enologia, l’enografia e la classificazione dei vini.

A seconda dell’aspetto che vogliamo prendere in considerazione, esistono vari modi per classificare un vino:  dal colore  (bianco, rosso, rosato), dal contenuto zuccherino che lo rende secco, demi-sec, dolce  e ancora in base all’effervescenza (fermo, frizzante, spumante). Sono questi i parametri più comuni.

Le marche e il vino

Nelle Marche la coltura della vite ha antichissime tradizioni che risalgono al tempo dell’impero romano (uno dei più famosi estimatori del vino marchigiano era Federico Barbarossa).

Queste tradizioni si sono tramandate nei secoli, dando origine a vini apprezzati in tutto il mondo.

I vini del conero

I vini del Conero sono particolarmente apprezzati. Grande è la varietà che saprà soddisfare anche il palato più esigente. Rosso o bianco sarà sicuramente un’ottima scelta.

I vini rossi: 
Rosso Conero, Lacrima di Morro D’Alba, Rosso Montepluciano, Esino rosso.

I vini bianchi:
Verdicchio, Pecorino, Passerina, Bianchello, Esino

Il vino di visciole, detto Visciolata o in dialetto Sguisciolata è una bevanda alcolica (circa 14°) a base di visciole, una varietà di ciliegie acide, simili alle amarene ma più dolci e di colore più scuro. E’ un vino tipicamente marchigiano,  dolce da degustazione o da dessert dalla fragranza di visciola.

IL VINO E LA POESIA

Vino

EL VI’

Cosa c’è meju d’un bichiere de vì,
te rimpe la boca e po’ la panza,
altru che vischi, cugnacche, grapì:
el vì é vera roba de sustanza!
Me piace bianco, rosciu, rusatelu,
basta che sia frescu al punto giusto,
nun fa differenza: questu o quelu,
bisogna solu bévelo de gusto.
Prò se dicemo propriu el veru,
el vì rosciu è la passiò mia,
ma non quelo scuro, neru, neru,
ma dal culor rubi: ‘na scicheria.
El vì bianco pole esse frizante
o languido, come l’inamurata
che se fa, ale volte, stuzicante
quandu solu da te vol’esse amata.
El rusatelo è ‘n po’ diverzo,
gustallo ce vole l’amatore,
se po’ beve ancora a tempu perzo,
un vì pre me adato ale signore
Nun digu che ce se deve imbriagà,
ma ‘gocio de vì te dà calore,
la vita te fa meju afruntà:
…e luntan da te tiene el dutore!

M. Marzani

LA GUISCIOLATA

Ho cotu ‘na chilata de guisciole
cun zuchero, vi, e ‘na scorza de limò,
me ricordo che quand’ero fiola
nona le cucinava sempre cusci.
   Ho meso dò tre tozi drent’un piato
po’ ciò svotato guisciole e sciugheto,
ma nun m’ha fato proprio un bel’efeto
qul pà ch’é diventatu mosciu mosciu,
nun era quele bele fete toste
che se tajava dal pà casarecio!
   E nun é manco bono de sapore,
le guisciole me pare meze nere.
   Me s’é passata tuta la gran voja
de qul magnà che io me ricurdavo,
sarà che adessu tutu me fa male
el zuchero, el café el tropu sale
o é·I zapore che nun trovu più
perché era quelo dela giuventù.

Leda Marazzotti Marini

Uva Nera

acquisti e degustazioni

Di seguito, una serie di link per degustare, acquistare i Vini del Conero:

Riviera del Conero
Prodotti tipici delle Marche
Enoteca Letteraria
Vino Arte Poesia
Portale delle Osterie
Vino Store