barzellette

Una raccolta di Barzellette, Freddure e Colmi in dialetto locale. Una lettura leggera per ridere un pò e rilassarsi sotto l’ombrellone!

La maestra a Pierino:
– Te Pierino hai fatu el murbilo? –
– Signora maestra nun el sapevu ch’era per ogi. lu ho studiatu la storia. –

El dutore:-devi de lascià de beve. Quandu te pia voja magna na mela.
E ‘na miseria: cume fago a magna’ sessanta
mele al giornu?

Al bar, un cliente entra e dumanda al barista:
squsi quanto costa un cafe?
Mile lire, fa el barista.
E el zuchero? El barista: è gratise, se capisce!
Va bè, alora damene un chilo!..

Il marito, un pò incavulato, ma come è mezugiono passato e ancora devi fà da magnà asu al ristorante!
Nua pudresti aspetà cinque menuti, caro, dice la moje.
Perchè, fra cinque menuti el pranzo è
pronto? ribate l
l pranzo no, ma sarò pronta.

Ciao Peppe, parti?…Indò vai
Vagu a Roma, in viagiu de noze
Auguri, e tu moje induè?
E rimasta a casa, tanto lia a Roma c’è già
stata, e cusci sparamiamo un pò!

Intra dò amici: iu sò statu sempre an gran
marciatore. ‘ha volta me sò fatu dieci chilometri de cona prandà a dà na bastonata a uno che me vuleva
fregà.
E sei pure artumato a piedi?
No!…. Cu l’ambulanza!

A scola el maestro dumanda: chi me sà di
‘na parola che cumincia cu la lettera G?
Iu, sor maestro, la parola é ieri!
Ma ieri nun cumincia cu la G
Come no? Insiste l’alunno…. Ieri nun era
giuvedi….

El prete al bambino preso in bota: c’el sai
indò vane i bambini e le bambine che fane ste brute cose?
C’el sò, sor curato, intel cortile dietro la
chiesa!

El padre de Gabriele guarda preocupato la
pagela che el fiolo j à apena purtato: questi ene voti che meritane ‘na bela puniziò!
Ciai ragiò, papà, ma quando vai dal maestro
sta atenti, é più grosso de te!

Intradò amiche… La prima a la segonda
A me m’ane chiesto più de cento volte de
spusam!
Ah, sici.. E chi ?.. dumanda la segonda.
Mi padre e mi madre!

L’ avucatu: Signora nun è pussibile ave el divorzio perchè sù maritu fuma a leto.
Andria bè a fumà ma lù s’acende sempre fiamiferi ‘ntela schina mia!

El padre, circondato da i fioli, sta morendo.
El primo fiolo; visto che babo ce lascia un bel
pò de soldi, jè se pudria fà un funerale de lusso.
El segondo fiolo: penso che basteria un funerale decoroso c’un pò de fiori.
El terzo fiolo: segondo me andria benissimeo
un funerale de terza classe!
El padre, alzandose a stento dal leto: se me dè na mà a meteme i calzoni, al cimitero ce vagu a piedi!

N’avaro ntuna libreria:
– Quantu costa “I tre Muschettieri”
– Trentamila lire
– Demene solo due

– Pierino hai fatu ‘n altra volta cagnara cun
Carleto. Ade’ me toca ricumprate la majeta nova 
– Nun te la pià mama. Cusa duvria di’ la madre de Carleto ch’ha da cumpra’ el fiolo novo

A un sartore
Docento franchi?…Inzogni?? Tropo vôi!
Te non vesti la gente, te la spoi!

La moje al marito:
“ Pel tuo compleanno te piacería surti cun-na
bela bionda?
Magara.
– Alora passeme qula paruca.

Dal dutore dei fjoli:
– Signora nun è po’ cuscì grave se su fjolo se
magna le ogne
– Sci, però lu le vole cote! –

La moje tuta dolce al mariu:
Sai caro che presto saremu in tre’
Oh amore, e quandu?-
Pra tre giorni: ariva mi’ madre! –

El prete fa la predica:
al giornu del giudizio se aprirà el celo, cascherà
fero e fogo
Na voce dal fondu dela Chiesa:
– Quandu sucederà prima o dopu che oprene le cantine?

– Pronto, ciao so’ Mario
– Te sentu luntano
– Te chiamu dal cellulare
– Hai fatu el telefuninu?
– E no, te chiamu dal celulare dela polizia.

– E’ veru che fadighi per la televisio’?
– A Sci, ‘naltre dò rate, po’ ho fenitu de pagalla.

– Mi padre quandu fadiga fischia sempre
– Jé va bona?
– No, fa el pizardò

El dutore a ‘n amalato molto grave:
– Pia ‘ste dò pindole stasera, po’ dumani, se te svej, ne pii altre dò!

– Mama è vero che pe’ fà ‘n fjolo se vole l’om
– Certo
– E a cosa serve? 
– A pagà el conto dela clinica

El giudice a l’imputatu:
– Nun hai mai paura quandu meti le ma’ drentu le sacocie dej altri? 
– Scì, sor giudice, ho paura de nun truvà el
purtafojo

– La dona è come l’ombra, fuge se la insegui, le cure dietru se fugi.

– Sai qual’e la pena pe’ la bigamia?
– Do’ socere!

– Dutore, la cura de fero che m’ha dato m’ha fato propriu be.
– Come fà a dillo senza i analisi 
– El zò! E da stamatina che ciò tacata adossu ‘na calamita!

Quandu facio cagnara cun mi” moje pe nun fa senti ai fjoli li mandu fora de casa
– Ade capiscio perchè i fjoli tua ene sempre in mezu ala strada

– Perché sei cuscì moscio?
– Mi moje m’ha dito che nun me parlerà pe
venti giorni.
– Nun te la pià: venti giorni passane prestu
– Defati… ogi é l’ultimo giorno!

La moje al marito:
– Caro cosa voi pe’ rigalo pe’ la festa tua?
– N menuto de silenzio!

Un omo bussa ‘ntun purtò da ‘n zaco de tempo. Finalmente s’afacia ‘na dona da ‘na finestra.
– Se pole sapè cosa vulè?
– Vojo Giuvani
– Ma ‘ntel palazo c’ene dò Giuvani, quale cerchè?
– Quelu cun i bafi neri.
– Tuti dò ciàne i bafi neri.
– Quelu che lavora ale Feruvie.
– Tuti dò lavorene ale Feruvie
– Quelu che jè dicene… curnuto.
– Ah alora è mi’ marito. Giuvà c’è unu che te vole!

– Babu chi è stato el primu radiotecnico dela storia?
Adamu, perchè cun ‘na costula ha custruito l’altoparlante.

– Babu cus’è l’eco?
– E’ qula roba che riesce a chiude la boca a tu
madre perchè nun je fà avè l’ultima parola.

Sapé perchè el calendario è sempre triste?
Perchè cià i giorni … cuntati.

Sapé come i mrinari se riparene dal fredo?
Vane sotu … cuperta.

EL COLMU

– Pr un militare: esse pogo inteligente e far parte del Genio

– Pr un paracadutista: cade da le nuvole!

– Pr una dona a dieta: rimangiasse tutu quelu ch’à deto!

– Pr’un pianista: tocà un tasto delicato.

– Pr’uno studente: esse bociato anche a l’esame del sangue.

– Pr’un cuntadì: dasse la zapa su i piedi.

– Pr’una perzona stonata: risponde a tono.

– Pr’un idraulico: avè·n’azienda che fa acqua.

– Pr’un ucelo straco: posasse su i fili de l luce pe recuperà un pò d’energia.

– El colmo de la velocità: giugà a ping pong da soli

– Pr’un pesce? duv’é fa il bagno pure s’è pilito.

– Pr’ una maestra? Nun avèce classe