modi di dire

Detti, modi di dire, “Cusci se dicea” in dialetto Anconitano per sorridere e conoscere pezzi di storia comune di tutti i giorni.
Scrivici il tuo “coscì se dicea” e noi lo pubblicheremo!

La dona è come l’ombra, fuge se la insegui, te cure dietro se fugi.

La dona se vole la fa a tuti.

I soldi nun fane la felicità ma fane comido
un bel pò.

I quadrini è cume el mal de panza: chi ce l’à se li tiene.

Acqua e chiachiere nun fa fritele

Chi fa da se fa per tre e campa cume un Re.

A paga e muri viè sempre a tempu.

Roscio de sera bon tempu se speru.

Quandu c’è tropi gali a cantà nun se fa mai
giorno.

E’ fadiga a fadigà

Capisciò! E’ rivato sete cerveli!

Pedochio rifato! M’ài fatu restà inghianditu.

De rinfa o de ranfa te sei arangiatu.

Piove e c’e el zole la gata fa lamore.

Chi non risica non rosiga.

Veste na scopa, pare na sposa.

Chi per acqua chi per legna per magnà tuti s’ingegna.

Sei straino, cusè ài durmitu cul culu scupertu?

Sta zitu si no me fai veni i vermini muti.

So natu straco e campo pe ripusame.

A fala corta nun se sbaja mai.

Beli se nasce, ciamboti se diventa.

A un funerale è sempre mejo stà de dietro che davanti.

L’amore nun è belo si nun è stuzigarelo.

Sci te dole la panza
va da la sora Costanza
che te darà ‘n’acini d’ua
che te farà passà la bua

La vita è come ‘n primo piato
a 20 anni – Vincesgrassi
a 30 anni -Taiatelle al zugo
a 40 anni – Spagheti al pumidoro
a 50 anni – Riso in bianco
a 60 anni – Quadrelini in brodo
a 70 anni – Pancoto cu’ l’oio
da 80 anni in zu’: beati chi ciariva!

Cunzzigliu

Si vòi muri’ de morte naturale
di’ sèmpre bè’ de tuti. E penza bè
prima d’upri’ la boca. E si discori,
per carità! nun di’ quelu che penzzi!

ché, s’incuminci a di’ la verità,
i putènti, i cervèli be’ penzzanti,
i parenti, j amichi e i bachetoni
te pja, te mete in croce e te massagra.

Mario Panzini