Poesie in dialetto

Una raccolta di poesie, odi, versi, in dialetto Anconetano, tratte da storici calendari anconitani. Con una sezione speciale tutta per Ancona e una dedicata a Portonovo, per raccontarla, vederla e immaginarla in altri tempi e scoprire che è “ancor cuscì”! 

Poesie dedicate a portonovo

MATINATA A PORTONOVO

(la beleza)
Slongata sopro de qui breci bianchi,
j ochi ‘n po’ chiusi, i braci giò pri fianchi
sto lì slanguita, senza penzà a gnente
e me godo del zzole el fiato ardente.
Gni tanto, cu’ ‘na mossa dispetosa,
na baveta impruvisa e ‘n po curiosa,
me scapecia i capeli tut’un boto
po’ fuge via, ridendu soto soto.
L onde e la riva ‘n facia al zzole d’oro
ciuciùlane e scherzane ‘ tra loro
e pò cuscì, guasi pr’un giugarelo,
la bufa bianca s’alza verzo al celo.
Stride un cucale, felice ch’è nato:
me vole di ch’un scojo à conquistato.
‘L verle del monte guasi bagia ‘l mare…
tremula l’aqua e ‘1 zzole ce traspare.
‘Na vela roscia va su l’onde ardita…
iu la fisso fintanto ch’è sparita
e po’, gelosa de ‘sta gran beleza.
la vojo ‘mprigionà nte ‘na furteza:
la ‘rchiudo drent’aj ochi e drent’ al core,
per quando sarà inverno e longhe l’ore.

Mirella Di Pietro Sturba

APUNTAMENTO A PORTONOVO

Sto longa sopro de ‘sti breci bianchi,
el zole spiomba, drito in mezo al celo;
el sudore me spisciola ‘ntel peto
ma nun me scanzo manco d’un capelo.
M’hai dito: “vieni giò”, e iu te ‘speto.
Adé me so’ spostata su la riva,
la mareta me sciacula le gambe;
a sto quagiò a séde sopra a uno scojeto,
‘nte la testa me frula robe strambe;
ma iu ciò fede in te, sto qua, te ‘speto.
Sò montata sopra de ‘sta teraza’
pe’ véde mejo quando che verai;
‘l zole tramonta roscio e ‘n po viuleto.
M’hai dito che per zempre m’amerai:
iu te credo, te credo, e ancò te ‘speto.
E’ guasi note, el zole é tramuntato;
so’ ‘rmasa sola, qua davanti al mare,
che come el celo, s’é fato tuto blu;
Strido forte tante parole amare:
“Te sei un giuda! Iu nun te speto più!”

Mirella Di Pietro Sturba

PORTONOVO

Voi passà qualche giurnata
tanta bela e ussigenata?
A Portonovo devi ‘ndà
pe’ pudete sudisfà.
Li ce trovi monte e mare
e qu’l aria salutare.
È zona verde silenziosa
e lì te senti, chil’za cosa!
C’e ‘n arieta fresculina
e se rispira quela fina.
I turisti vàne li
pe’ ripusasse e divertì.
Stàne sotu a i tendoni
e se rimpene i pulmoni.
Passa l’onda trasparente
e vedi el fondo cůme gnente.
El zole ch’è durato,
quant’è note t’ha brunzatu
e te dice cu’n zurisu
che lì, hai scupertu el Paradisu,
po’ cun tanta curtesia
bagia tuti e po’ và via.
De i bèi giorni c’hai passatu,
te sei tutu sudisfatu.
E cuminci a ripenzà…
De pudece ariturnà.

Mario Nisi

NA FESTA A PORTONOVO 

E’ stat’urganizata ‘na gran festa,
alegra gente ce ‘ndamu a diverti’!
Famu conosce la parlata nostra
ai furestieri che se fermane ‘n po’ quí.
E PORTONOVO che ce fa st’invito,
pe’ questu ha priparatu ‘n gran zaloto.
L’ha verniciato tutu verde e gialo,
el pavimentu è azuru cume el mare
e po’ cià mesu ‘n mezu un bel cucale.

Pe’ fa’ ‘na luce bèla tuta d’oro,
ha presu ‘n prestu tanti ragi al zole.
A chi nun vole ‘I chiassu e cerca pace,
c’è ‘na chieseta intiga ch’è ‘n incanto,
qualcunu ce la invidia perché è rara,
ma questa…. E’ roba nostra, marchigiana!
De ‘ste beleze no’ semu urgojosi
e a ‘sti stragneri
le vulemu fa’ conosce!
‘Nzieme a loro gudemuce ‘stu mare
e famu ‘I pienu del magnà, ch’è bònu!
Dicemo tante grazie a PORTONOVO…
Speramo ch’ogni anno fa ‘st’invito
e po’ ce gödi a vedè ‘1 mare lì
ch’è sempre trasparente e ch’è pulito!

Anna Marazzotti Nisi

PORTONOVO

Un vento fresco agita ‘I boscheto,
tremando j arbusceli je risponde:
in t’un rameto un picolo uceleto,
cantando, tanta gioia al còre infonde.
J alberi, j uceleti, j scòj, el mare,
tutu ce guarda e pare fa’ la spia.
El zole dietro ‘I monte già scumpare
mentre la boca sua bagia la mia.

Franco Albertini

Poesie dedicate ad ancona

SEMO D’ANCONA

Te stu mondo nun c’è cità più bela
Ancona mía, de te per fa’ a cazzoti
tanto Arcaròlí quanto Portolòti
sopra ogni bracio cià ‘na pagnòtela…
E queli nati su, a la sbigiarela
del Campeto?…Che fior de giovinoti!
…I Sampietròli pare chioti chioti:
‘nvece è majestri a dà la “ciacatela”.
Qui, fa’ a cazzoti è un’arte, un’arte vera;
semo stirpe ribuste, ardite, sane….
…Caribaldi cià visto a fa la guera!
Quando a Marsala e, po’, a Calatafimi,
strideva: “Avanti, figli de…MAMANE!”
niantri d’Ancona èrimi sempre i primi…

Dulio Scandali

ANCONA MIA

In mentre che t’imboco
la strada del Pinochio,
tut’in t’un boto so’ cume ‘na fjola.
Me bate ‘I còre
e cu’ la lagrima intel’ochio
io me sento un gran gnòco in te la gola!
Se sto luntana da te, Ancona mia,
me pare d’ èsse un ca’ senza ‘I padrò,
cusci, fedele fin’ a l’agunia;
me sento triste,
e te ricordo in continuaziò.
CiàI ‘I Monte, le culine, la riviera,
el più esigente, te ‘I pôi cuntentà.
Vive da te è sempre primavera,
sei l’urgòjo de nialtri anconetà.
Figürte! iu so’ nata su pel Ghetu!
E a chi, de te, a me me dice male,
je digo: “Zza! moscu, e giò qu’l detu!”,
se nun vulé fini de boto a l’uspedale.
Inzieme a me, tuti quanti de sciguro
ène pronti a tenéte quanto sgruli:
ce pòssi cuntà sempre ché, t’el giuro,
j Ancunetani è ‘n populo de buli!!

Alessandra Ascoli

ANCONA ANTIGA

Se giri per Ancona, quela antiga,
del camina’ nun senti la fadiga
perché te s’invertigina el cervelo
per la guduria: quel che vedi è belo!
Ene perzino bèli i viguleti
pure s’è un tanti bui, giaci e streti.
ma prò na ròba pure agiungeria
intel viguIo c’è sempre ‘n’Usteria!

Franco Albertini

SOLE D’ANCONA

Sole d’Ancona,
te ciài do’ leti beli gió ntel mare:
da uno te ce alzi la matina
e vai tuto el Passeto a iluminare!!
Nte l’altro al Porto, te
ce colchi a sera,
straco e sfenito da la gran fadiga
e sghizzi el fogo al celo e a la riviera,
sole d’Ancona.
Iu urmai l’Italia l’ho girata intera
e le cità l’ho viste tute quante,
tuto me piace e questa è cosa vera,
de robe bele n’ò amirate tante.
Ma un sito fato aposta per amare,
ndove che ‘1 sole fa ‘sta rarità:
se tira su e se colca gio ‘ntel mare,
tel posso dì, l’ho visto solo qua.
Sole d’Ancona,
te bagi tuta quanta la scojera
e ‘l Conero te fa la riverenza,
quando sparisci, roscio, ‘nte la sera;
a l’alba te saluta ‘na stelina
che speta a te prima d’andà a durmi
e intanto te imbrilanti la colina,
sole d’Ancona.

Mirella Di Pietro Sturba

LA SEDIA DEL PAPA

Sedia del Papa mia, quanto sei bèla!
El Padreterno quando t’ha creata
forse penzava de creà ‘na stela
facenduce ‘sta bèla impruvisata.
Pel forestiero sei sultanto ‘n scojo,
per me sei j ani de la gioventù
quando magnàmi pa’ cun sale e ojo
e pel stradelu sbigiulàmi giù,
pe’ tuface inte qu’l mare ‘zzuro:
‘na meravija da ‘rmané incantato;
anche se gambia tempo o se fa scuro
armani ‘na beleza del creato.
Quando te vedu el còre me martela:
Sedia del Papa mia, quanto sei bèla!

Franco Albertini (1977)

ANCONA 

Ancona so, qui al Domu
e te stagu a rimirà;
sai cusci bela ‘sta sera.
Pure la luna
che brilla lassů
te vole cuntemplà.
Ma cume’na civeta vanitosa
‘ntel mare argentatu
te vai a spechià.
Te rimiri cumpiaciuta
e pare che me voi di:
“Vedi fiola mia
anche se nun so, più
na giuvineta
ancora fagu la figura mia.
Ogni tantu
me fane un rituchì
ma io, so, ‘na signora
tutu me se pole perdunà”
E te vuria risponde:
“O Ancona anche se
nun so nata qui
cume ‘na fiola tua te vuria dì:
“Cume sai bela,
quantu me piaci,
cusci tuta a stramigiò
sopro el mare.
Artornu a casa
qul core gonfio
da tuta ‘sta beleza.

Poesie IN DIALETTO

EL ZOLE

El zole ce “zapemo che ce vòle
per fa’ scaldà la tèra, e fa’ fiurì
le rose, i papuloni del giardi’,
opure i girasoli, o le papole.

Stu sole, prò te fa suda’; t’indorme,
te mete adossu, gente, ‘na lentagna
che te sbrega le gambe, e po’ d’istate
cerchi sempre un po’ d’ombra in qua e in là.

Quandu tramonta el zole, alora sci, 
t’acorgi che te sfuge、na beleza,
che I’mondu senza ‘l zole, veramente,
sarebe un mondu che nun vale gnente!..

E. Giantomassi

ZOLE E L’AMORE

E propriu veru ch’el zole è cume l’amore
che giornu pienu infòga e ‘ncora brugia
Ma ‘ntel tramontu è tiepido e tranquillo
però ‘l calore te scalda e t’inveruchia.

Leda Marazzotti Marini

SOGNO E RISVEJO

Un mare nero che me fa paura
e l’onde sbate ‘na barca senza remi,
un Omo in piedi che sbracia
e che me chiama, e po’ sparisce
‘nte la note scura.
Me pare che la voce era la Tua
e drentu al zogno sei andatu via.
‘Na morza de dulore stregne ‘1 core
spalanço i ochi piena de terore,
slongo ‘na ma”… sei qui Anima Mia!

Leda Marazzotti Marini

D’ESTATE…
DOMENICA D’AGOSTO

Do’ gati ingrufoliti e ‘n’ pò tignosi
sachi de mondeza
butati a sdrogio li, ira i cassoneti…
La funtana che piagne gocia a gocia…
Lo scartocià de qualche foja seca…
Na tiritera longa de cicala
che te strona le rechie.
  Le panchine ‘nte l’ombra
ocupate da tre e quatro vechieti
sortiti fori in cerca de frescura…
e… el silenzio,..
el silenzio che te rimpe la strada
e che fa senti soli…
  E’ d’estate… domenica matina.

Anna Maria Abbruzzetti

L’AMICIZIA

L’amicizia è un grosso fiore,
nasce ‘ntel campo
‘n dò è seminato l’amore!
Pe’ racojelo è ‘n pò fadiga,
è ‘n fiore raro,
se podrja paragonà
a l’ago ‘ntel pajaro!
Se el “caso” vole
che sei fortunato.
e l’amicizia ài truvato
qul fiore nun sciupà,
daje afetu e sincerità!
Sgambia cun l’amico
i pianti e le risate,
fidate, nun pensà che bara,
perchè truvà ‘n amico ogi …

…è roba rara !!!!

Silvana Tittarelli

L’INNOCENZA

Un fjuli che dorme é ‘1 célo
un fiore, ‘na cerasa,
un zole de cristalo,
cià la grazia de ‘na rosa.

In tun leti bandunato
cul sonno morbido
el culore smaltato,
spenzierato e languido.

Le manine de fata pafutéle,
lù sogna el mondo a fete,
ce rigala le stele.

El guardamo cusci tanto,
incatenati ce fermamo
e ziti, gustamoce l’incanto!

Rosanna Candelaresi Zamporlini

EL FARO

Quandu de nòte
c’è fuschia in mare
e le nuvole l’inveruchia
nte ‘na cuperta scura,
n’avè paura
ce so’ iu el faro
a fàte cumpagnia.

Giru e rigiru i ragi senza sosta
so’ a qui per questu
senza stracame mai.

Ogni ragiu
è ‘n’abraciu che cunforta,
che a qui vicinu
c’è ‘na spiagiola, u, portu.

Ale linterne digu:
dème ‘n’aiutu
vujaltre ste a li in cima al molo.
Inzieme faremu ‘na gran luce
cume el zole che brila a mezzanote.

Fiorella Capitani

L’INVIDIA

Linvidia è un roditore
che fadiga a tute le ore!
Chi ce l’à e la tiene drentu
imbrutisce e invechia

‘n ‘tun mumentu!
Chi ce l’à e la manifesta
è scanzato da tuti
e solo resta!
‘N ‘tun modu o ‘n ‘tun altru
chì dà spazio al ruditore
prima o po jè scopia el core!!!

Silvana Tittarelli

SENZA AMORE

‘Na casa che s’invechia e pja de mufa
co’ le perziane chiuse strete strete.
El purtó cià  ‘1 catorcio rugenito,
‘ntel bugio de la chiave c’è un ragneto.
E’ tute rote le tegule del teto;
‘nte la gronda pja campo l’erba grassa
e ogni giornu cresce a dismisura.
‘Nte le stanze svòte, scure scure,
un scrichiulio diventa un gran fragore.
Smòrcio é ‘1 camì. El ventu passa e cure
alzando rifulate de cenigia.
Che silenzio de morte! Fa paura.

…Cuscì, ‘na casa ‘ndó nun sbate un core.
Cuscì, chi s’è invechiati senza amore.

Cesarina Castignani Piazza

ODE A LA LUNA

Da sempre pueti e cantanti
A la luna s’ene ispirati e segondo l’estro.
Ognunu a modo suo l’ha cantata,
C’è chi j ha fato l’altalena,
chi l’ha chiamata capriciosa, bugiarda
o dispetosa.

Po’ palida, verde, rosa o giala, ma
sempre con afeto s’è guardata.
Po’ è arivati loro, i cerveloni,
che un po’ più da vicino hane volutu
vede come era fata cusci
a le prime sonde, ene seguíti i sputinich
con le parechiature, e po la naveta spaziale,
co ‘na cavia vivente, la cagneta Laica
Che è stata mandata lassů.

Dopo è stata la volta dei ‘stronauti,
che in te la luna, dopo un po’ de girevolte
hane pugiato i piedi.
E a dì la verità st’impresa ecezzionale.
Davanti a la TV a boca operta
A vedèla ce semo stati in tanti.
Speravo che cusci saria finita
Invece el giogo è cominciato proprio li.
Perché adessu se sa con scigureza che anche
In te la luna ce se pudrà andà.
E c ‘è la corza a le prenotaziò per il viagio spaziale
E il casi che ciavemo quagiù
In te la luna se purterà.
E’ per questo che te guardo con dulceza e afeto
E me dumando:
Ma perché t’avrane vulutu disturbà?

Marcella Stefanelli

EL RITORNO

Tornava dal viagio straca sfenita
‘na rundinèla verzo el Burgacio
girava, cercava, era ferita
s’èra ridota propio ‘no stracio…

Come ‘na madre cercava ‘vilita
senti va già el zangue fase de ghiacio…
Nun c’era più el nido, la casa sparita
fra tanti matoni e ‘n po de feracio…

Vigliaco destíno a smove sta tera!
Tuto slamato; el dulore è più fito,
pe’ sta rondine nun c’è primavera.

Senza più el nido tuto è fenito,
el zole è roscio, pia fògo sta sera.
Adio Burgacio!!! Per sempre sparito…

Anna Maria Castignani

SANTE BRIGNOCULE

Lassa che piange! Lassa che se sgola!
Ma se non studia daile gio de geto:
Cui fioli nun ce vole né rispeto
né  ‘l core de ricota o pasta frola!

…Un giorno, m’aricordo (ero un fioleto)
invece de fa ‘1 compíto de scola,
‘n tel quaderno cu’ n’abise viola
ce stavo disegnando un vaporeto…

Sento un scufioto dietro la capeza
e cu’ la testa, pun! ‘n tel tavuli:
m’è rimasta la boza, vedi? qui…

Mbè, te dirai ch’è ‘na minchionaria:
epure quando penzo a mama mia,
tasto la boza e ago ‘na careza…

Turno Schiavoni (1938)

NOTE DE SAN LURENZU

Stéla è ‘1 nome che pòrta mi’ mòje,
Iu de radu la chiamu cusci…
San Lurènzzu. U’ sfragèlu de stéle.
Che sfila, che sghizza: E sparisce.
Per zzèmpre. ‘Na vèchia legènda:
In mentre che casca ‘na stéla
si esprimi ‘na vòja puténte
se dice che sempre s’avéra…
ó! èca a ‘na stéla cascante…
purtròpo nun casca mi’ mòje...

Mario Panzini

STELE D’AGOSTO

“Smìcia, Mariola, smìcia quante stéle!
E cusa brila le custelaziò’!
Lagiò c’è el Grancio, sota le Gemèle,
a là  c’è la Bascùja, a lì el Scorpió’.

E le stéle sfilante? E’ pogo bèle?
Echela là che sfila… casca gió…
e lascia i sguilzi, come funtanéle…
Stéla! Stélina! Dime, dime ‘n pò,

quando scumpari, in do’ te vai a salvà?
‘Ndo’ te niscondi? Le ricerche è invane!
Se te te salvi, chi te pò’ artrovà?”

“Ste robe è tanto bèle… soprumàne…
ma te sta ‘n tantì ‘ bòno cu’ le ma’!
Miga è niscosta sot’a le sutane!”.

Mario Panzini (1960)

SERENATA DE NA VOLTA

Na sera anamo a fa’ na serenata
a Chiara li de oltro el Montirozzo.
Ma cume cuminciamo la sonata
Antò ha bisogno de schiarisse el gozzo.

Cusci dop’ un suspiru e na rasciata,
se sforzza tantu a butà via qul tozzo,
che j viene su un arloto a canonata
cume si se sbregasse el gargalozzo.

Ma dop’ un par d’acordi de chitara…
“…Opre qula finestra, buta un fiore,
smiccia le stele o mia belezza rara,

butame giù qualcosa, dolce amore…”
defati dop’ un pò se ‘facia Chiara
e scariga de sotu el pisciatore!

G. Ansevini

OGI E’ E’ EL ZOLE

Te guardo Ancona
é de matina presto,
quantu ciò j ochi ch’ène mezi chiusi.
Vagu de fuga, pre vedete mejo,
a dâme ‘na seiacquata ochi e facia.
Adesso scì, te vedu chiara e bela.,
ogi c’è  el zole
e l’aria é più serena.
Guarda che célo, è guasi tutu azuro,
c’ène do striscioline rosa e viola,
pàrene virgulete,
fate cùi deti, de do angiuleti,
Un stormu de rundinele
pijåne el volo,
me piaceria a sapé indo va a fènì,
una rimane, li nun va cùloro,
ha fato el nido sot’a ‘n tetu nóvu.

La vedu sempre, che fa ‘vanti e ‘ndietro
e cià pre i fjolí el da magna’ ‘ntel becu.
A vede stu quadreto tantu bèlu,
stària per ore e ore, a guardà el cèlo,
perchè lassù ce trovu tanta pace
e po’ ringrazio el zole che risplende
e bagia Ancona sempre ‘nte la fronte,
fa cume ‘n òmo cu l’inamurata:
Lia fa le smurfiete e po’j ride,
vo’ fa capì quant’è contenta,
da esse tantu amata.


Anna Marazzotti Nisi

LE VACANZE

A tuti piace anda in vacanza
a stende el corpu al zole,
fasse brustuli la schina e panza,
alzasse quando senti che te bole.

Prò, d’estate a tuti ‘sta voja
‘ntel medesimu mumento viè fora
ch’el piacere se trasforma in doja,
‘n gran supliziu, solu ‘n gran turmento.

Tuti in fila, lì, pr’ore, ore,
drent’ale machine infugate
a fa’ el primo bagnu… de sudore
e di’ le parulace più sgraziate.

Chi je pia ‘n sturbo da caldacia,
chi ha fame, chi sono, ‘n altru piagne,
chi sete e se taca a la buracia…

Sarà, ma nun me sentu de cumpiagne
‘sta gente che s’amassa come mati
longu le spiage o su in muntagna,
strachi morti, mosci, fadigati :
daveru nun me pare ‘na cucagna:
E’ mejo sta be’ a casa tua:
a la finestra pií l’aria fresca,
al portu c’è le barche cun la prua
direte verzu el largu pr’andà a pesca.

Ala sera spasegi longu el Corso,
per Viale, o vaí giù a la Mole,
vedi ‘n spetaculo senza sforzo
e senza la testa che te dole!

Marcello Marzani

LASCIO EL MONDO COME VAGA

Mentre sofia la tormenta
c’è la porta che me sbate,
so’ felice e so’ contenta
ch’ho comprato le ciavate…

Ma c’è un sorcio, ‘stu birbante
che j piace un po’ el veluto…
c’è rimaste un par de piante
el sopra l’ha magnato tuto!

So’ zitela e porto el lutu
pe’ la morte de mi’ nona
ieri i ladri ha preso tuto
anche il lumi co’ la Madona,..

Ciò la toscia e ‘I mal de spale,
e me gocia pure el naso
po’ ‘stu calo me fa male
è morto el gato, guarda el caso…

Ciò l’artrosi e tanti mali,
so’ ‘n po’ sorda e nun ce vedo
me s’è roti anche j ochiali,
tremo tuta dal gran fredo…

So’ cascata per le scale
e ‘na gamba ciò ‘ngesata.
po’ stu dente me fa male,
e la facia s’è gonfiata…

Ciò ‘I sanghiozo, fò u’ starnuto
la dentiera me se smove
quando parlo adesso sputo
tut’intorno par che piove…

De la cena fago senza
ciò el padrò che nun me paga..
nun ce penzo, cio pazienza,
lascio el mondo come vaga!…

Annamaria Catignani